Tu vo’ fa l’americano? #2

Mancano le ultime 3 tappe del nostro viaggio di nozze americano. Enjoy!

Philadelphia

Philly, la città dove fu firmata la Dichiarazione di Indipendenza e la Costituzione americana, la 5° città più popolata degli Stati Uniti, la custode della Liberty Bell, la capitale del cheesesteak e la città del pluri-fotografato Love Park (che dire … anche noi ce la siamo fatta una bella foto!). A Philly si respira storia, orgoglio nazionale, ma anche musica e nostalgia di Rocky!

Philly.png

Ps. Se volete davvero dormire bene vi consigliamo il Westin Philadelphia Hotel. Courtesy of Westin Philadelphia.JPG

Oltre alla sua posizione centrale e al letto a dir poco paradisiaco ….vi accoglieranno con un sorriso e una gentilezza che avevamo e tutt’ora non abbiamo più rincontrato. Se ci aggiungiamo la torta al cioccolato offertaci in quanto novelli sposi …. hanno capito subito che siamo delle buone forchette!

Washington DC

Chi non ha mai associato questa città alla Casa Bianca, al Congresso e all’FBI? Washington è la città istituzionale per eccellenza (va da sé che non manchino statue, memoriali e altri luoghi dedicati ai presidenti americani) ma sono due le cose che ci hanno colpito maggiormente: lo splendido lungofiume (passeggiare nel parco che costeggia il fiume Potomac prima del tramonto è davvero rilassante e piacevole) e i musei GRATUITI Smithsonian.

Non vi nego che di fronte alla Casa Bianca mi sono sentita una piccola Olivia Pope images (1)

New Orleans 

Una bella differenza rispetto alle prime quattro tappe. Siamo nel Sud, cambia tutto: la musica, il clima (tremendamente umido), le persone, l’atmosfera, il cibo e le tradizioni. Siamo andati (su mia espressa richiesta) nella culla del jazz

nella città del carnevale e degli artisti, ma anche nella città maggiormente lacerata dall’uragano Katrina del 2005 (come vedrete dalle foto ne mostra ancora le ferite).

NOLA.png

NOLA (come la chiamano i suoi abitanti) è anche la città che ti offre il panino con carne di alligatore (anche se, ad essere onesti, non ce la siamo sentita di assaggiarlo) e, dopo due settimane passate in mezzo ai grattacieli, ti sorprende con i suoi edifici di epoca coloniale, dai balconi e dalle ringhiere in ferro battuto ricoperti di fiori.

Unica nota dolente la famosa (per noi sopravvalutata) Bourbon Street, con i suoi innumerevoli bar e strip club. Forse saremo troppo “vecchietti” per questo tipo di cose? images (1)

Vi abbiamo raccontato in breve il nostro viaggio di nozze, un’esperienza che ci ha fatto provare delle sensazioni così belle e forti che una volta rientrati ci è voluto un bel po’ per tornare alla routine. Speriamo di essere riusciti a trasmettervi e a farvi immaginare almeno un po’ di “sogno americano”.

xoxo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...