VARSAVIA E LA SUA ELEGANTE MALINCONIA – PARTE II

Quando si dice “prendersela comoda”…..Sono passati due mesi da quando siamo stati a Varsavia e mi sono ritrovata solo oggi a scrivere la seconda parte del nostro itinerario…

Nella prima parte del nostro weekend polacco (se non lo avete ancora letto – cattivi! Lo trovate qui) vi abbiamo portato nella Città Vecchia e Nuova e al Parco Lazienki. Oggi vi portiamo al Castello Reale, al Palazzo della Cultura e della Scienza e al Ghetto Ebraico.

Castello Reale
Premessa doverosa da fare: se come noi decidete di visitare il Castello di domenica così da non pagare il biglietto (che in ogni caso costa 30pln – 7€) sappiate che non vi sarà concesso di visitare alcune sale. Al di là della gratuità del biglietto, la nostra pianificazione pseudo-maniacale non ci avrebbe comunque concesso di visitarlo di sabato e il lunedì, trattandosi ancora di orario invernale, è chiuso.

Comunque….andiamo al sodo. Cosa dire del castello se non che anch’esso, come la Città Vecchia, è stato quasi completamente ricostruito dopo essere stato distrutto durante la seconda guerra mondiale e, visto l’eccellente lavoro fatto proprio nella Città Vecchia, anche questo palazzo è stato riprodotto piuttosto fedelmente. I lavori di ricostruzione iniziati nel 1971 e terminati con l’inaugurazione ufficiale nel dicembre 2011 hanno permesso al castello di presentarsi in tutta la sua imponenza sul lato destro di Piazza Zamkowy e merita una visita di circa 1h30 (o almeno questo è quanto ci abbiamo impiegato noi).

IMG_8022

Il castello di per sé non è uno dei castelli reali più belli che abbiate mai visto ma la storia è piuttosto interessante e alcune sale, come quella degli specchi, è talmente dorata da abbagliarvi.

dav

dav

Se venite presi da un attacco di fame tale da non poter resistere per nemmeno 5 minuti, alla fine del percorso troverete un delizioso café dove potrete gustarvi torte e panini nell’atmosfera “reale” del castello.

PALAZZO DELLA CULTURA E DELLA SCIENZA
E’ senza alcun dubbio il simbolo della città. Sarà per la sua altezza (è il palazzo più alto di tutto il paese), sarà perché è stato un dono dell’Unione Sovietica – Stalin – alla Polonia, sarà per il suo mix di barocco/gotico e skyscrapers americani, o sarà per il fatto che dal suo 30° piano si può ammirare tutta la città, fatto sta che raramente chi visita Varsavia può esimersi dal farci una capatina. È stata la prima cosa che abbiamo visto appena arrivati in città con lo shuttle dall’aeroporto e dobbiamo ammettere che – da un punto di vista puramente estetico – rispetto al resto della città la prima sensazione è “non c’azzecca niente!”. Vi dirò che vederlo di sera ci ha fatto sentire a Gotham City 😂

PS. Per accedere al 30° piano e godersi il panorama, il biglietto costa 20pln (poco meno di 5€)

GHETTO EBRAICO
Dimenticate i ghetti ebraici che avrete forse visitato in giro per l’Europa perché qui rimarrete a bocca asciutta. Causa bombardamenti durante la guerra, del ghetto ebraico è rimasto ben poco, anzi quasi nulla. L’atmosfera che si respira è del tutto asettica e considerata la cura che è stata messa nel riportare agli antichi splendori le altre zone della città, forse qualche sforzo in più poteva essere fatto anche qui. Va da sé che non si possa (e non avrebbe gran senso) ricostruire il muro del ghetto, ma è ciò che si può trovare nel quartiere oggi che stona molto con il suo passato.

Per dovere di cronaca, questo “quartiere” si trova alle spalle del Palazzo della Cultura e della Scienza e dovete armarvi di una buona cartina perché non è stato facile trovare i due resti del muro dal momento che non sono affatto ben segnalati.

dav

dav

dav

dav

È rimasta una piccola testimonianza anche a pochi metri dalla sinagoga ma:

– il non saperlo prima di partire

– la mancanza di documentazione in loco

….beh, non abbiamo poi capito a cosa corrispondesse! Peccato!

dav

Alla fine della nostra incursione fulminea nel ghetto ebraico e prima di tornare in hotel ad acchiappare i nostri bagagli abbiamo fatto una passeggiata e ci siamo imbattuti nei Giardini Sassoni, un delizioso parco che, siamo sicuri, stia dando il meglio di sé in questo periodo sfoggiando la sua mise primaverile e che, a febbraio, si presentava ancora un po’ in letargo. Tuttavia, se non volete allontanarvi troppo dal centro o non avete tempo, è un’ottima alternativa per farvi un giretto a piedi, magari gustandovi una bella tazza di tè.

dav

Bene, signore e signori, questo è stato il nostro itinerario a Varsavia di 3 giorni. Pensate manchi qualcosa? Sì. Siamo stati anche al Museo della Rivolta, un luogo che ci ha colpito talmente tanto che abbiamo deciso di dedicargli un post a parte.

“Unico” rimpianto? Non aver avuto il tempo di visitare il Palazzo Wilanow 😞

Attendiamo un vostro commento!

xoxo

Annunci

10 thoughts on “VARSAVIA E LA SUA ELEGANTE MALINCONIA – PARTE II

  1. Ciao! Abbiamo seguito un itinerario molto simile 🙂 A me Varsavia è piaciuta molto, mi ha sorpresa! Mi hanno colpita particolarmente il Parco Lazienki con il Palazzo sull’Acqua e il castello di Wilanow, ma sicuramente anche il quartiere ebraico e i tanti simboli legati alla rivolta di Varsavia lasciano il segno. L’Est europeo mi affascina molto, mi piacerebbe visitare altre città polacche in futuro 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Ciao! Purtroppo non siamo riusciti a visitare il castello di Wilanow, è il nostro unico rimpianto del nostro weekend polacco. Dopo aver visto Auschwitz e Varsavia la Polonia ci ha conquistati, quindi la prossima tappa potrebbe essere Cracovia e le saline. 😉

      Mi piace

  2. Quell’edificio ha molti “fratelli” purtroppo… non conosco quello di Mosca menzionato da Silvia, ma a Praga ce n’è uno quasi identico, che oggi ospita un hotel piuttosto importante.
    E’ un peccato che il ghetto non sia segnalato a dovere, come dicevi tu avrebbero potuto provvedere a recuperare meglio anche quella parte di città… magari in futuro!
    Buon fine settimana 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Chissà, visto che i lavori sono ancora in corso in tutta la città magari ci sarà spazio anche per quella zona!
      Siamo stati a Praga ma al momento non ricordo quale sia l’edificio 😅
      Buon weekend anche a te 😉

      Mi piace

  3. I muri – o quello che ne resta – fanno sempre non poca impressione. Anche se ora sono rimasti solo come mezzo per evitare che certe cose succedano di nuovo.
    Bellissimi i giardini e ti dirò che anche il Palazzo della Cultura e della Scienza ha un suo fascino. Spero di riuscire a vedere il “fratello maggiore” a Mosca che, se non sbaglio, dovrebbe essere la sede dell’Università Statale.
    Buon weekend 🙂

    Liked by 1 persona

    1. L’impatto è sempre forte e il significato….beh, è evidente. Il tutto ci è solo sembrato un po’ “fuori dal contesto”.
      Vai a Mosca? Che meraviglia! 😊 Non conosco il fratellone del Palazzo di Varsavia e a dir la verità non riesco nemmeno ad immaginarlo, quindi aspetterò le tue foto 😉
      Buon weekend
      Erica

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...